Nell' insonnia

di avere

in sorte

la luce 

Mettiamo di essere ancora al principio. Che un mago tracci una fiaba che può essere letta come una geografia di comunanze e migrazioni, un memoriale del viaggio dove l’Ogham (antico alfabeto irlandese, provenienza del cinema, gesto doppio d’incidere linee sulla pietra e sulla pellicola) s’incontra e si mischia con i disegni di Giuditta Chiaraluce e con le stanze pittoriche di Magdalo Mussio e Mariano Prosperi: atlanti, carte cucite, tarocchi che abbiamo sperso nei posti dove abbiamo vissuto per nove mesi. Mettiamo anche che il mago, svegliatosi, abbia con sé oggetti raccolti nella memoria dei gesti con essi compiuti: il sasso e la stella orditi nel disegno del tappeto.

Nel segno di queste tre figure abbiamo inventato -per senso dell’andare- un film, girato quasi del tutto in Irlanda, e intitolato "Nell’insonnia di avere in sorte la luce".Film di corrispondenze non solo come vicinanze, ma anche come avvicinamenti, incontri, carteggi, proposte d’etimo: se il cielo è un enorme poema, il Braille, forato nella notte della pellicola, ne è il suo Alfabeto Celeste (bisognerà rifare una buona volta il "Catalogo delle Vocali", come già aveva indicato Corrado Costa).

Corrispondenze, dicevamo, e quindi rivolgimenti nel gioco liquido delle "Idrologie" (quelle di Villa, di Craia e di Cegna) che manifestano, inventano da capo il mondo, come succede anche in un’audiocassetta di Vincè, arrivata da Vallecascia: specie di cosmogonia suonante. Qui si svela che la piramide di Killiney Hill (due volte capovolta nei resti del monastero di Glendalough) è già stata raccontata da Aby Warburg ne "Il rituale del serpente" ed è forse un altro sogno scalato da Osvaldo Licini o scolpito da Ivo Consalvi.

E così via, d’Iride in fiore, nel viaggio che non finisce, sfinisce mai: "Voyage that never ends”.

Ogni roveto un dio che arde